Antichi Pellettieri trova l’accordo con le banche

A
A
A
di Luca Spoldi 22 Novembre 2012 | 10:58

L'accordo annunciato ieri prevede la ristrutturazione del debito esistente e una forma di tutela della società dai creditori. Sul titolo vietati ordini senza limite di prezzo

Occhi puntati su Antichi Pellettieri dopo il +35,6% messo a segno ieri all’annuncio che la società ha raggiunto un accordo con le banche per la ristrutturazione del proprio debito e, attraverso un ricorso ai sensi dell’articolo 182-bis della legge fallimentare, poter beneficiare di una forma di tutela dai creditori. Il titolo è al momento in asta di apertura, dopo che Borsa Italiana aveva ieri sera proibito l’immissione di ordini senza limite di prezzo e il trasferimento.

L’ accordo con le banche “prevede la sottoscrizione da parte delle banche di un aumento di capitale ad esse riservato con emissione di una particolare categoria di azioni con diritto di voto limitato”, si legge nella nota di Antichi Pellettieri aggiungendo che in questo modo rimarrà “impregiudicata” la quota di partecipazione degli attuali azionsti al capitale sociale di natura ordinaria, “salvo l’effetto diluitivo immediato per una percentuale pari al 50% conseguente all’aumento di capitale riservato”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X