Via libera Ue alla ristrutturazione delle banche spagnole

A
A
A
di Luca Spoldi 28 Novembre 2012 | 11:38

I primi 37 miliardi di euro di aiuti Ue serviranno a ricapitalizzare Bankia, che chiuderà il 39% delle filiali e licenzierà il 28% dei propri dipendenti

La ristrutturazione del sistema bancario spagnolo è pronta a partire: col via libera dell’Antitrust Ue alla nazionalizzazione di quattro istituti (Bankia, Ngc Banco, Catalunya Banco e Banco di Valencia) e 37 miliardi di euro di aiuti in arrivo dalla Ue (anche se Madrid ha ribadito di voler richiedere a Bruxelles 40-42,5 miliardi dei 100 miliardi massimi previsti, di cui i primi 37 riguarderebbero solo Bankia), arrivano anche le contropartite richieste.

In particolare la Caixa, la terza maggiore banca spagnola, dovrebbe rilevare il Banco de Valencia, che ha bisogno di 3,4 miliardi di euro di ricapitalizzazione ulteriore (dopo aver già ricevuto un primo miliardo), al prezzo simbolico di un euro.

Bankia da parte sua ha fatto sapere di voler ridurre il personale del 28% e chiudere o cedere il 39% delle proprie filiali. Secondo El Pais altri 2,5 miliardi di capitali saranno necessari per far decollare la “bad bank” cui verranno conferiti asset “a rischio” per 45 miliardi, mentre altri 2-3 miliardi sarebbero necessario per ristrutturare altri istituti minori.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X