Banche, cala l’esposizione ai Piigs. Italia compresa

A
A
A
di Redazione 30 Novembre 2012 | 09:42

Lo rivela lo studio dell'ufficio R&S di Mediobanca, che analizza i dati dei primi sei mesi dei 20 principali istituti europei.
 

VIA DAI PIIGS – Nel primo semestre dell'anno, le maggiori banche europee hanno ridotto l'esposizione ai titoli di Stato dei cosiddetti Piigs – ossia Portogallo, Irlanda, Italia, Grecia e Spagna – fino a raggiungere i 276 miliardi di euro, rispetto ai 325 miliardi di fine giugno 2011. Lo rivela, secondo quanto riporta la Reuters, lo studio dell'ufficio R&S di Mediobanca, che analizza i dati dei primi sei mesi dei 20 principali istituti europei. Tra questi, UniCredit e Intesa Sanpaolo.

FUGA DA ITALIA E GRECIA – I cali più evidenti riguardano i titoli di Stato italiani (-22,5 miliardi) e greci (-19,7 miliardi). Questi ultimi, in particolare, sono quasi completamente scomparsi dai bilanci per effetto di svalutazioni o cessioni. L'alleggerimento sui titoli di Stato italiani sarebbe stato superiore se Intesa Sanpaolo non avesse utilizzato il 39% dei 36 miliardi raccolti alle due aste Ltro della Banca centrale europea per acquistarne ulteriori quote.

L'ESPOSIZIONE ATTUALE – L'esposizione ai Piigs, per le banche europee, rappresenta il 23,7% dei mezzi propri, con una soluzione molto difforme e più gravosa per quelli italiani e spagnoli, superiore al 150% del patrimonio netto per Intesa Sanpaolo e al 65% per UniCredit. Rispetto al 30 giugno 2011, la riduzione dei titoli spagnoli è stata limitata per via degli acquisti del Banco Santander, che hanno compensato le cessioni degli istituti transalpini.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X