Milano spinta dalle banche maglia rosa in Europa

A
A
A
di Redazione 30 Novembre 2012 | 07:20

Torna la fiducia sul mercato con la discesa dello spread in mattinata sotto i 310 punti base e il tasso del decennale fin sotto 4,5% per la prima volta da oltre due anni


MILANO MAGLIA ROSA – Piazza Affari festeggia le indiscrezioni in materia fiscale da oltreoceano, peraltro poi smentite, la flessione accentuata dello spread Btp-Bund e l'esito positivo dell'asta di titoli di Stato odierna, giungendo a guadagnare in chiusura quasi tre punti percentuali. Milano è la migliore in Europa, con i volumi di scambio che tornano tonici, grazie alle performance scoppiettanti delle banche, che hanno beneficiato del restrngimento dello spread con il Bund tedesco.

BENE L'ASTA – Torna dunque una certa dose di fiducia sul mercato con la discesa dello spread in mattinata sotto i 310 punti base e il tasso del decennale fin sotto 4,5% per la prima volta da oltre due anni. L'indice Ftse Mib guadagna in chiusura il 2,81%, con volumi scambiati per un controvalore di 1,7 miliardi di euro. Protagoniste della seduta le banche, grazie un rally che ha spinto Bper in volata a +9,91%, Bpm  in rialzo dell'8,26% e Ubi su del 7,55%. UniCredit e Intesa Sanpaolo chiudono a con guadagni superiori al 4%, in un comparto europeo che avanza dell'1,83%.   

BANCHE TONICHE – A livello generale, le banche a media capitalizzazione presentano per Exane Bnp Paribas "un migliore rapporto rischi/benefici rispetto alla bluechip Intesa e UniCredit, in quanto la loro profittabilità è più legata al miglioramento dell'economia reale e in generale scambiano a multipli inferiori". L'istituto francese, come riporta l'agenzia di stampa Reuters, ritiene che le popolari italiane abbiano tutte spazio per un 'rerating' in uno scenario macro in graduale stabilizzazione, come quello attuale. Exane promuove intanto ad outperform (cioè faranno meglio del mercato) Ubi, Banco Popolare, Pop Milano e Credem, alzando anche il target price sui titoli degli istituti.

 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti