Miami, la galline dalle uova d’oro

A
A
A
di Gianluca Baldini 6 Dicembre 2012 | 14:36

Giorgio Vecchi di Zilbert.it: i prezzi saliranno del 50%. Ecco cosa riserva il mercato immobiliare nella città statunitense


Dopo l’apertura del sito italiano Zilbert.it, abbiamo parlato con Giorgio Vecchi, l’uomo che ha portato in Italia l’operatore che lavora sul mercato di Miami.

Come è nata la vostra piattaforma?
Noi siamo nati come sito al servizio degli operatori che cercano immobili in modo trasparente con un database trasparente focalizzato sul mercato di Miami e su immobili di fascia alta e medio-alta con investitori che provengono da un panorama internazionale. Del resto mercati come Italia, Brasile e Francia stanno crescendo a Miami. Inoltre, la sofferenza del mercato italiano ci permette di essere una valida alternativa.

Quanti sono gli italiani che hanno investito con voi?
Molti. Gli italiani comprano a Miami dalla metà degli anni Novanta. Da quel momento ad alti e bassi c’è sempre un flusso di investitori che cerca un’alternativa ai propri investimenti. Di solito cercano immobili nei condomini con servizi di pregio per i residenti come palestre, spa, parcheggi per l’auto.

Qual è il prezzo medio degli immobili a Miami?
Si parla di prezzi intorno ai 2.500-3.000 euro al metro per Miami Dade mentre per il centro, la downtown si aggira intorno ai 4.000 fino a South Beach, che sta intorno agli 8.000 euro al metro.

Quali gli spazi di crescita per il real estate di Miami?
Miami sta diventando una zona di attrazione mondiale, in particolare l’area di South Beach dove operiamo. Ci sono nuove opportunità interessanti per i prossimi anni. Anche perché gli edifici di nuova costruzione saranno pochi e i prezzi saranno destinati a crescere. Noi pensiamo che i prezzi siano destinati a crescere tra il 35% e il 50% nell’arco di cinque anni. A prescindere dal numero, c’è da considerare la sicurezza dell’investimento. Tutto viene pagato ad avanzamento lavori e non più al rogito, riducendo il rischio che il progetto non giunga a ompimento.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti