La crisi politica spaventa Goldman Sachs: meglio vendere i bond italiani

A
A
A
di Redazione 11 Dicembre 2012 | 12:26

In una nota riservata inviata ai suoi clienti – ripresa dal quotidiano La Stampa – il broker americano si dice convinto che l’Italia andrà peggio degli altri mercati non core dell’eurozona


L’ITALIA FARA’ PEGGIO – Dopo la crisi politica che ha travolto l’Italia negli ultimi giorni, Goldman Sachs inverte la rotta e consiglia di vendere i bond italiani. In una nota riservata inviata ai suoi clienti – ripresa dal quotidiano torinese La Stampa – il broker americano si dice convinto che nei prossimi mesi “l’Italia andrà peggio degli altri mercati non core” dell’eurozona.

I POSSIBILI SCENARI – Quanto alla possibile evoluzione della crisi, gli analisti ipotizzano che si vada al voto tra febbraio e marzo: “al momento”, scrivono gli esperti secondo quanto riporta La Stampa, “l’esito più probabile resta quello di un governo di coalizione di centro-sinistra, con Monti coinvolto in qualche ruolo istituzionale”.

POSIZIONI CORTE – Il broker si attende inoltre “un aumento della retorica anti-austerità e anti-riforme”. E proprio questo dovrebbe portare un aumento del premio di rischio per gli asset italiani, tanto che “fin dalla scorsa settimana abbiamo raccomandato di prendere posizioni "corte" sui bond governativi italiani”. In futuro, “consiglieremo eventualmente ai clienti di chiudere questa posizione tattica”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti