Citigroup taglia di 100 dollari il target price di Apple

A
A
A
di Luca Spoldi 17 Dicembre 2012 | 09:54

Dopo la riduzione degli ordini ai fornitori per lo smartphone il prezzo obiettivo passa da 675 a 575 dollari per azione, il rating viene ridotto a "neutral"


DUBBI SULLA REALE FORZA DI IPHONE5 – Citigroup taglia il giudizio su Apple: secondo gli analisti della banca americana la “mela” avrebbe di recente tagliato gli ordini alla catena di fornitori, fatto che pone domande sulla forza reale dell’iPhone5 nonostante i 2 milioni di pezzi venduti nel weekend di lancio in Cina, e mette l’accento su alcuni “rischi per la storia di Apple”. Il rating viene così portato a “neutral” e il target price tagliato di 100 dollari da 675 a 575 dollari per azione.

ANCHE UBS TAGLIA – Se da una parte Ubs confera il rating a "buy" su Cupertino, la banc aeveltica taglia il prezzo obiettivo da 780 a 700 dollari. La banca d'affari svizzera è diventata più prudente sulla crescita delle vendite dei principali prodotti dell'impresa della mela. Secondo delle fonti industriali consultate l'iPhone 5 non dovrebbe ripetere in Cina il successo registrato dall'iPhone 4S. Ubs crede inoltre che l'iPad mini possa cannibalizzare l'iPad originale e si attende perciò che le vendite dell'iPhone e dell'iPad saranno nei prossimi trimestri inferiori alle sue precedenti previsioni. Anche le stime sono state tagliate: utile visto a 47 dollari (dai precedenti 51,5).
 

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti