Ubs paga 1,5 miliardi di dollari di multa per chiudere causa Libor

A
A
A
di Luca Spoldi 19 Dicembre 2012 | 08:33

I coefficienti patrimoniali non risentiranno del pagamento della maximulta, dal wealth management contributo netto positivo


IL TRIMESTRE CHIUDERA' IN PERDITA, IN CALO ASSET A RISCHIO – Il Cda di Ubs ha accettato una transazione extragiudiziale relativa alla causa aperta dalle autorità statunitensi e britanniche in merito all’accusa di manipolazione della fissazione del tasso Libor, transazione che prevede il pagamento di una multa di 1,5 miliardi di dollari.

RAGGIUNGERE BASILEA III – Con una nota la banca svizzera ha anche fatto sapere di aver fatto ulteriori progressi nella riduzione dei suoi asset a rischio e di prevedere che il rapporto common equity tier 1 calcolato secondo i requisiti di Basilea III resterà a fine anno all’incirca sui livelli di fine settembre, al 9,3%, mentre dalle attività di wealth management ci si attende un contributo netto positivo. Il risultato netto del trimestre attribuibile agli azionisti dovrebbe tuttavia mostrare a livello di gruppo una perdita, dovuta principalmente al pagamento della multa sopra ricordata.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti