Wall Street ci pensa, poi riparte

A
A
A
di Luca Spoldi 20 Dicembre 2012 | 22:26

Il dato del Pil del III trimestre (+3,1% contro una stima iniziale di +2,7%) aiuta, ma l'attenzione è tutta sulla trattativa per evitare il fiscal cliff


IL LISTINO RESTA IN BALIA DELLE NOTIZIE PROVENIENTI DA WASHINGTON – Wall Street parte incerta ma i buoni dati del Pil del III trimestre e le rinnovate dichiarazioni a favore di una prosecuzione delle trattative tese a evitare il fiscal cliff sembrano rassicurare gli investitori, tanto che a fine giornata l’indice Dow Jonese segna +0,45%, l’S&P500 termina in rialzo dello 0,55%, il Nasdaq chiude a +0,20% (semiconduttori: +0,01%) e le small cap del Russell 2000 guadagnano lo 0,54%.

Dal canto loro i T-bond vedono il rendimento del decennale rimanere stabile sull’1,80% (invariato) e quello del trentennale scivolare sul 2,98% (dal 2,99%), mentre l’oro cade nuovamente a 1648,80 dollari l’oncia (19 dollari di perdita), l’argento è fissato a 30 dollari (1,12 dollari meno di ieri) e il petrolio rimane sugli 89,99 dollari al barile (35 centesimi sopra i livelli della vigilia).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti