Wall Street trattiene il fiato, guarda a Washington

A
A
A
di Luca Spoldi 27 Dicembre 2012 | 15:29

In assenza di un accordo al Congresso si rischiano tagli di spesa e aumenti di imposte automatici per 600 miliardi di dollari a inizio gennaio


GLI INVESTITORI ATTENDONO NOVITA' DA WASHINGTON – Wall Street resta in attesa che qualcosa si sblocchi al Congresso, richiamato al lavoro per cercare di evitare che a inizio gennaio scattino tagli di spese e incrementi di imposte automatici (“fiscal cliff”) per circa 600 miliardi di dollari, sufficienti a far cadere in recessione la prima economia mondiale.

Dopo la prima mezzora di lavoro l’indice Dow Jones resta a -0,06%, l’S&P500 recupera lo 0,06%, il Nasdaq è a sua volta cauto, -0,10% (coi semiconduttori a -0,13%) e le small cap del Russell 2000 restano sui livelli della vigilia. I T-bond vedono il rendimento del decennale restare immobile sull’1,76% (invariato) e quello del trentennale oscillare sul 2,93% (dal 2,92%). L’oro scivola nuovamente a 1654,60 dollari l’oncia (6,3 dollari meno dell’ultima chiusura), l’argento è a 30,04 dollari (invariato) e il petrolio oscilla sui 91,18 dollari al barile (22 centesimi di guadagno).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti