Si ammorbidiscono le regole di Basilea 3, le banche festeggiano in Borsa

A
A
A
di Redazione 7 Gennaio 2013 | 10:09

In base al nuovo accordo, le regole inizieranno a essere implementate gradualmente a partire dal 2015 fino al 2019


REGOLE PIU’ MORBIDE – Slitta in avanti l'entrata a pieno regime delle nuove regole di Basilea 3. In base al nuovo accordo raggiunto dai governatori e responsabili delle autorità di sorveglianza del Comitato di Basilea sulla vigilanza bancaria, le norme inizieranno a essere implementate a partire dal 2015 ma solo in modo graduale, per arrivare a regime nel al 2019; inoltre è stata ampliata la gamma di strumenti che le banche devono avere a disposizione per fronteggiare situazioni di stress finanziario (tra cui alcune azioni, strumenti garantiti da mutui ipotecari e bond societari con un più basso livello di rating).

RICHIESTE DI RINVIO – L'originale scadenza di gennaio 2015 era stata in altre cirocstanze indicata come troppo vicina. La stessa autorità bancaria europea Eba stimava già ad aprile dell'anno scorso che le nuove regole avrebbero imposto agli istituti Ue un rafforzamento di capitale da almeno 242 miliardi. E anche l'autorità bancaria italiana, l'Abi, a fine ottobre, aveva chiesto un rinvio.

LE BANCHE ESULTANO – Agli istituti di credito è stato così concesso ieri un margine temporale di quattro anni per la progressiva entrata in vigore delle nuove norme, una notizia che ha fatto balzare in avanti i titoli del comparto bancario, tutti in deciso rialzo in Borsa. "La notizia era attesa e positiva, in quanto non obbligherà le banche a raggiungere i nuovi target di asset liquidi in tempi così stretti. È positiva soprattutto per le banche del Nord Europa" ha commentato un broker italiano.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti