Lyxor, un 2013 tra replica fisica e obbligazionario

A
A
A
di Redazione 23 Gennaio 2013 | 08:34

Strategia e progetti nel campo degli exchange traded fund spiegati dal manager Arnaud Llinas, che da inizio gennaio è global head etf & indexing.

IL 2012 DI LYXOR – Si chiude positivamente il 2012 di Lyxor AM nel settore degli etf, i fondi a gestione passiva quotati in Borsa che nel settembre del 2012 hanno compiuto il loro decimo anniversario. In un anno complessivamente positivo ma molto incerto e volatile per i mercati finanziari, Lyxor ha registrato una crescita del patrimonio in gestione pari a 3,4 miliardi di euro (dato a dicembre 2012), portando l’asset under management totale a 30,9 miliardi.

PROGETTI PER IL FUTURO – “Il nostro principale obiettivo ora è diventare il secondo emittente in Europa”, ha dichiarato Arnaud Llinas (nella foto), da inizio gennaio global head etf & indexing di Lyxor, la nuova business unit che ha fuso insieme le competenze e le risorse della società di asset management nel campo degli etf e della gestione di fondi indice. Il manager era a Milano martedì per una presentazione. Per ottenere il risultato annunciato, Lyxor farà leva su tre fattori: il know how interno, una più efficiente organizzazione delle risorse professionali a disposizione e la sua capacità di innovazione di prodotto.

LA COSTRUZIONE DEI PRODOTTI – "Dall’individuazione di un trend di mercato o di un’esigenza specifica di un investitore", ha proseguito Llinas, "Lyxor avrà la capacità di costruire un prodotto e portarlo sul mercato nel giro di un mese circa. Tempi così stretti saranno possibili anche grazie a una nuova modalità organizzativa che prevede un un team focalizzato sull’analisi dei dati per identificare i trend di mercato in tempo reale, il Marketing intelligent unit”.

REPLICA FISICA E OBBLIGAZIONARIO – Per quanto riguarda i prodotti, la società ribadisce l'intenzione di implementare ulteriormente nel 2013 la decisione assunta a fine 2012 di aprire alla replica fisica. Lyxor si concentrerà poi sull’obbligazionario (vai qui per conoscere la recente quotazione a Milano) e sulla realizzazione di strumenti in grado di implementare strategie innovative sulla volatilità, sui dividendi e nella nicchia delle soluzioni smart beta. “Performance e liquidità saranno anche nel 2013 i pilastri del successo di Lyxor”, ha concluso Llinas sottolineando come queste caratteristiche siano state alla base dei risultati conseguiti finora.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Investimenti sostenibili, gli investitori scelgono i replicanti

NEWSLETTER
Iscriviti
X