Reader’s Digest fa bancarotta

A
A
A
di Luca Spoldi 18 Febbraio 2013 | 14:40

Anche Reader's Digest morde la polvere e chiede di accedere al "Chapter 11" (equivalente americano dell'amministrazione straordinaria) per ristrutturare 1 miliardo di dollari di debiti

BANCAROTTA CONCORDATA DA 1 MILIARDO DI DOLLARI – Un altro grande nome del passato recente morde la polvere: RDA Holding, da 91 anni editore della celebre rivista Reader’s Digest, ha avanzato richiesta di amministrazione straordinaria (“Chapter 11”), dopo essere stata rilevata nel 2007 dal gruppo di private equity Ripplewood Holdings Llc per 1,6 miliardi di dollari (oltre all’assunzione di 800 milioni di debiti pregressi). Non è comunque la prima volta che il gruppo ricorre alla procedura di bancarotta concordata per cercare di ristrutturare le proprie attività, colpite dalla crisi di un settore, quello elettronico, che sta attraversando un passaggio epocale dalla carta all’elettronica.

IL PRECEDENTE DEL 2009-  Già nel 2009 aveva infatti avanzato analoga richiesta adducendo il calo della raccolta pubblicitaria come causa per tale decisione. In totale, secondo quanto riferisce l’agenzia Bloomberg, RDA Holding ha presentato richiesta di “Chapter 11” su un totale di un miliardo di dollari di debito di cui 465 milioni rappresentati da bond senior verranno convertiti in azioni. La compagnia prevede di riemergere dalla procedura con soli 100 milioni di dollari di debito, vale a dire di riuscire a ristrutturare circa il 90% dell’indebitamento esistente.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X