Banca Carige: per Equita Sim servirebbe aumento di capitale significativo

A
A
A
di Luca Spoldi 25 Marzo 2013 | 11:30

Secondo gli analisti gli obiettivi del piano di rafforzamento annunciati dall'istituto ligure sono accettabili ma ancora non ottimali. Oltre a deconsolidare le compagnie assicurative servirebbe robusto aumento


NON LESINARE SULL'AUMENTO – Per gli analisti di Equita Sim anche dopo 800 milioni di euro di rafforzamento patrimoniale “e ipotizzando 100 punti base di contributo positivo dai modelli interni” il core Tier 1 2012 sotto le regole di Basilea 3 di Banca Carige si collocherà all’8%-8,5%, un livello “accettabile, ma che non può definirsi ottimale” e che pur a fronte di un incremento del coverage e del deconsolidamento delle compagnie assicurative controllate, renderebbe opportuno “che alla cessione delle compagnie assicurative si accompagni una ricapitalizzazione significativa” dell’istituto ligure.

DAI VERTICI DELLA BANCA – Il che sembra l’opposto di quanto finora dichiarato dai vertici della banca, che invece puntano a limitare ad un importo “molto marginale” la ricapitalizzaizone nell’ambito del piano di rafforzamento patrimoniale da complessivi 800 milioni di euro. Pertanto il target price sul titolo passa da 0,70 a 0,56 euro per azione, con un rating che resta pari a “hold”. Stamane a Milano Carige cede l’1,9% a 0,569 euro per azione.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X