Borse europee condizionate dai dati macro tedeschi

A
A
A
di Luca Spoldi 28 Marzo 2013 | 11:18

I listini del vecchio continente prima soffrono il deludente dato del mercato del lavoro di marzo, poi si riprendono grazie a vendite al dettaglio migliori delle attese in febbraio


GERMANIA, DELUDONO I DATI SULL'OCCUPAZIONE – Dopo aver toccato un minimo intraday a metà mattinata complice il deludente dato sull’andamento del mercato del lavoro in Germania a marzo (i disoccupati aumentano di 13 mila unità contro attese per un calo di 2 mila, il tasso di disoccupazione resta pari al 6,9%), i mercati europei tornano a recuperare terreno dopo l’ulteriore dato macro tedesco relativo alle vendite al dettaglio (in crescita dello 0,4% in febbraio dopo il +3% di gennaio, contro attese per un calo dello 0,6%).

CORRONO UNICREDIT E INTESA SANPAOLO – Londra segna +0,48%, Parigi oscilla a +0,34%, in linea col risultato di Francoforte, mentre Madrid cede ancora lo 0,16%. Volatile Milano, che ora guadagna lo 0,68%, mentre l’Eurostoxx50 segna +0,50% con buoni rialzi per Ziggo, UniCredit, Intesa Sanpaolo, L’Oreal e Carrefour, mentre perdono terreno Bmw e Daimler.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X