Pioggia e lacrime per l’isola di Afrodite

A
A
A
di Redazione 8 Aprile 2013 | 14:50

Cipro ha una prospettiva favorevole nel suo futuro legata ai giacimenti energetici. Al momento presenta invece solo l’ipertrofia bancaria, connessa al peso dei capitali esteri


Il titolo “Rain and tears” ricorda una canzone di fine anni ‘60 di un complesso greco (scioltosi in pochi anni) il cui nome si lega all’epica dell’isola di Cipro. L’irrituale soluzione, al momento rinvenuta nella Ue, propone pioggia di difficoltà e lacrime nel futuro, ma può evitare la bancarotta, l’uscita dall’euro e la sconfitta dell’idea e del modello comunitario. Restando l’incertezza della soluzione finale, comunque gravosa per i ciprioti, tecnicamente si salvaguarda il principio della protezione dei depositi fino a 100mila euro (interesse cruciale dell’eurozona), si squalifica il ruolo di Paese a fiscalità privilegiata di Cipro nei confronti di chi l’ha utilizzata per operazioni non regolari e si impone un anomalo prelievo forzoso in forma di imposta, che disincentiverà l’afflusso di fondi da “shadow banking systems”.

Le agevolazioni sulle imposte sul reddito d’impresa possono invece sussistere, o rimanere leggere, mantenendo appetibilità per la domiciliazione in Cipro, una volta ristrutturata la situazione macroeconomica. Restano dubbi sul funzionamento effettivo della normativa antiriciclaggio e della compliance alle direttive Crd e Mifid. Cipro ha una prospettiva favorevole nel suo futuro legata ai giacimenti energetici. Al momento presenta invece solo l’ipertrofia bancaria, connessa al peso dei capitali esteri, e manca di attività produttiva imprenditoriale e di servizi adeguati, con limiti qualitativi anche nel potenziale segmento del turismo.

I margini ricavabili allo sfruttamento energetico potrebbero invece promuovere il futuro miglior equilibrio delle variabili, con strategie e politiche economiche differenti. Al momento il Paese è sottoposto a vincoli riduttivi della sovranità. È protetto dalla bancarotta, ma privo di autonomia. Per la Ue si pone il problema di avere un secondo membro sotto monitoraggio, lasciando sorgere il sospetto che appartenere all’eurozona senza idoneità effettiva sia utile come nel caso virtuoso. Isola fragile di penisola debole di Unione in crisi, Cipro appare veramente Afrodite instabile davanti a Zeus incerto e timoroso.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X