Domanda discreta e rendimenti in calo per Btp e Ccteu in asta

A
A
A
di Redazione 11 Aprile 2013 | 10:30

Il Tesoro stavolta ha solo sfiorato il tutto esaurito, ma i tassi sono scesi sia per i Btp a 5 e 15 anni sia per i Ccteu


SOLO IL BTP A 15 ANNI NON HA CENTRATO IL TUTTO ESAURITO – Questa volta non c’è stato il tutto esaurito, ma la domanda è stata comunque discreta e i tassi in calo. L’asta dei Btp odierna ha visto il Tesoro emettere 4 miliardi (il massimo previsto) di titoli a tre anni, con un rendimento sui minimi da gennaio, al 2,29% contro il 2,48% dell’asta precedente. Il Btp a 15 anni è invece stato collocato per 1,668 miliardi (contro i 2 miliardi massimi previsti) al rendimento medio del 4,68% (22 punti base in meno rispetto alla volta precedente). In più il Tesoro ha collocato 1,5 miliardi di Ccteu scadenza giugno 2017 (anche in questo caso il massimo previsto) a un tasso del 2,74% (dal precedente 2,817%). Dopo l’asta lo spraed Btp-Bund a 10 anni si mantiene attorno o poco sopra il 3%.

INTERESSE PER IL BREVE – "Si conferma, dopo i dati di ieri sull'asta Bot 3/12 mesi", ha spiegato Filippo Diodovich, market strategist di Ig, "un forte interesse degli investitori sui titoli di stato con scadenza a breve e a brevissimo termine per parcheggiare la liquidità in eccesso. Continuiamo a ritenere che l'allentamento delle tensioni sull'incertezza politica italiana dopo l'apertura dei due principali partiti (Pd e Pdl) alla formazione del Governissimo abbia avuto effetti positivi sui mercati". Ora gli occhi sono puntati all'emissione del Btp Italia in agenda la prossima settimana.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X