Utili in frenata nel primo trimestre per il Banco Santander

A
A
A
di Luca Spoldi 25 Aprile 2013 | 07:44

Il presidente Botin resta ottimista per l'intero 2013: utili significativamente superiori ai 2,295 miliardi del 2012. Il Core Capital ratio secondo Basilea III salirà al 12%


UTILI IN FRENATA, PESANO FRENATA ECONOMIA E ACCANTONAMENTI – Il Banco Santander ha chiuso i primi tre mesi dell’anno con un utile netto di 1,205 miliardi di euro (-26% su base annua), deludendo le attese di consensus degli analisti (1,31 miliardi), a fronte di ricavi per 10,29 miliardi (-9%) e di un margine d’interesse calato del 14% a 6,65 miliardi. Sui risultati, precisa una nota, ha pesato la decelerazione delle principali economie mondiali, più bassi tassi d’interesse e la decisione del gruppo di mantenere livelli elevati di liquidità pur rimborsando anticipatamente i 31 miliardi di euro ottenuti tramite la Ltro della Bce. Gli accantonamenti nel trimestre sono calati a 2,919 miliardi (-6% annuo), il dato minore degli ultimi cinque trimestri) ed hanno portato al 71% il livello di copertura dei crediti “non performing” (saliti al 4,76% dei crediti totali), circa 10 punti più di un anno fa. Gli impieghi esistenti sono pari a 723,814 miliardi, ovvero al 109% del totale di depositi e carta commerciale (663,381 miliardi) detenuta dal gruppo, contro il picco del 150% toccato nel dicembre 2008. La banca spagnola prevede che il suo Core Capital secondo Basilea III raggiungerà il 12% alla fine dell’esercizio in corso e che gli  utili 2013 saranno, come ha ribadito il presidente Emilio Botin, “significativamente superiori ai 2,295 miliardi del 2012”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X