New York prudente dopo deludenti dati macro, bene il petrolio

A
A
A
di Luca Spoldi 24 Aprile 2013 | 21:29

Sulla giornata pesa il calo superiore alle attese degli ordini di beni durevoli negli Usa in marzo. In recupero le quotazioni del greggio mentre continuano a circolare voci di una riunione dell'Opec


AZIONARIO PRUDENTE, STABILI I BOND, IN RIPRESA ORO E PETROLIO – Il deludente dato degli ordini di beni durevoli in marzo negli Usa pesa sulla giornata di Wall Street che a fine giornata vede l’indice Dow Jones cedere lo 0,29% mentre l’S&P500 è invariato, come pure il Nasdaq (+0,01%) e le small cap del Russell 2000 recuperano lo 0,51%. Dal canto loro i T-bond vedono il rendimento del decennale rimanere stabile sull’1,70% (invariato) e quello del trentennale scivolare sul 2,89% (dal 2,90%). L’oro rimbalza a 1430,80 dollari l’oncia (16,9 dollari più della vigilia), l’argento torna a 23,16 dollari (21 centesimi di recupero) e il petrolio risale a 91,60 dollari l’oncia (2,42 dollari sopra la precedente chiusura) mentre continuano a circolare voci di una prossima riunione straordinaria dell’Opec.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X