New York in rialzo, tirano il fiato oro e T-bond

A
A
A
di Luca Spoldi 23 Aprile 2013 | 21:03

Un tweet partito da un finto account dell'Associated Press fa venire i brividi agli investitori, ma poi gli indici chiudono in allungo grazie alle buone trimestrali diffuse in giornata


NERVI FRAGILI A WALL STREET – Wall Street continua a correre anche se a metà giornata un finto tweet apparentemente dell’Associated Press (che ha subito smentito) relativo al ferimento del presidente Barack Obama ha fatto precipitare per pochi minuti gli indici, a riprova della fragilità del mercato a questi livelli. A fine giornata comunque il Dow Jones segna +1,05%, l’S&P500 guadagna l’1,04%, il Nasdaq sale dell’1,11% e le small cap del Russell 2000 chiudono a +1,59%. Dal canto loro i T-bond vedono il rendimento del decennale risalire sull’1,70% (dall’1,69% di ieri) e quello del trentennale sul 2,90% (dal 2,88%). L’oro scivola a 1413,90 dollari l’oncia (7,3 dollari meno della vigilia), l’argento a 22,95 dollari (43 centesimi di perdita) e il petrolio resta a 89,35 dollari l’oncia (16 centesimi sopra la precedente chiusura).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X