Bpm, l’utile trimestrale segna un calo a doppia cifra percentuale

A
A
A
di Redazione 15 Maggio 2013 | 07:27

Il risultato netto si è attestato a 57,3 milioni, ossia il 10,9% in meno rispetto a un anno prima


UTILE IN CALO DEL 10,9% – Ha segnato un calo a doppia cifra percentuale l'utile netto di Banca Popolare di Milano, che nel primo trimestre dell'anno si è attestato a 57,3 milioni, il 10,9% in meno rispetto a un anno prima. Lo ha annunciato lo stesso istituto di credito milanese.

IN AUMENTO LE COMMISSIONI NETTE – I proventi operativi normalizzati, al netto delle componenti non ricorrenti, sono cresciuti su base annua dello 0,7% a 428,1 milioni. A fronte di un margine di interesse in calo del 15,8%, a 190,8 milioni, sono salite le commissioni nette (+10,6%, a 131,7 milioni). Il costo del personale è sceso del 4,3%, per un rapporto tra costi ed entrate che si è ridotto di 2,9 punti al 57,5%.

COEFFICIENTI PATRIMONIALI STABILI – Il Core Tier 1 è all'8,37% ed è stabile sulla fine del 2012. Calcolato pro forma, cioè al netto degli "add-ons" richiesti da Bankitalia dalla segnalazione di giugno 2011 e dei Tremonti bond e tenendo conto della proposta di aumento di capitale fino a 500 milioni, è al 10,1%. Nel trimestre le rettifiche nette per il deterioramento crediti e altre operazioni si attesta infine a 64,1 milioni, in crescita dai 51,6 milioni di un anno prima con un costo del credito sale a 73 punti.

PAROLA AD ANDREA BONOMI – Quanto al futuro, il presidente del consiglio di gestione Andrea Bonomi ha detto che le priorità sono l'aumento di capitale per rimborsare i Tremonti bond, "il cammino verso il cambiamento e la modernizzazione" e l'iter "verso la trasparenza e la sana gestione per meritarsi la giusta collocazione all'interno del panorama bancario italiano".

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti