A caccia di cedole sopra il 4%: Jp Morgan AM punta sulle banche Ue

A
A
A
di Redazione 23 Maggio 2013 | 08:02

Tra le preferite della società di gestione del risparmio c'è anche l'italiana Intesa Sanpaolo. Ecco lacuni istituti europei ben capitalizzati e con cedole intorno al 4,5%: una buona soluzione d'investimento anti-crisi


EVITARE UTILITIES – Una valida alternativa alle obbligazioni? In tempi di crisi e di carenza di liquidità, si può cercare le azioni “scontate” sul listino che offrono dei dividendi con un rendimento di almeno il 4%. A spiegarlo a Il Messaggero, gli esperti di Jp Morgan Asset Management, che consigliano di evitare società come utilities e le tlc, che potrebbero risentire maggiormente flussi di cassa deboli. E allora meglio puntare sulle banche dell’eurozona.

LE BANCHE UE – Giusto per citare qualche nome: le svedesi Swedbank e Handelsbanken , l’inglese Barclays, Nordea, la francese Bnp Paribas e l’italiana Intesa Sanpaolo. “Istituti ben capitalizzati e con cedole intorno al 4,5%”, scrive il quotidiano romano. “Tra dividendi, acquisto di azioni proprie e apprezzamenti del titolo, si può ipotizzare secondo i gestori di Jp Morgan un ritorno fino al 14 e persino il 15% ogni anno”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti