Altri 10 miliardi di accantonamenti per le banche spagnole

A
A
A
di Luca Spoldi 24 Maggio 2013 | 07:36

La stima, citata dal Financial Times, è della Banca di Spagna e si riferisce ai rischi legati a 200 miliardi di prestiti rinnovati prima della scadenza i cui contraenti spesso non erano in grado di rimborsarli appieno


QUANTE SOFFERENZE SI NASCONDONO TRA I PRESTITI RINNOVATI? – Le banche spagnole dovranno effettuare almeno altri 10 miliardi di euro di accantonamenti per coprire i prestiti che i debitori faticano a rimborsare, secondo una stima interna della Banca di Spagna citata dal Financial Times. Secondo alcune stime gli istituti iberici hanno dilazionato prima della scadenza prestiti per circa 200 miliardi, spesso perché debitori societari non sono in grado di estinguere il debito totalmente alla scadenza prevista.

LE STIME – La stima di 10 miliardi è la prima valutazione ufficiale degli accantonamenti necessari a coprire il rischio su credito da quando la Banca di Spagna ha adottato un nuovo approccio nei confronti dei prestiti rifinanziati, temendo che la pratica di “estendere e far finta di nulla” abbia finito col sottostimare i rischi su credito di tale tipologia di finanziamenti. Secondo altri esperti intervistati dal Financial Times la necessità per le banche potrebbe essere tra i 5 e i 10 miliardi di euro in termini di nuovi accantonamenti, cifra peraltro che funzionari della Banca di Spagna hanno informalmente dichiarato possa essere “gestita” dalle banche senza troppi problemi.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti