Banca Mediolanum, per il cliente il pagamento si fa mobile

A
A
A
di Maria Paulucci 23 Maggio 2013 | 09:53

Per saldare il conto al bar, in edicola, al ristorante, in taxi e al supermercato, presto basterà "strisciare" il cellulare

IL PAGAMENTO MOBILE – Cosa fanno una carta di credito, uno smartphone e una sim nelle mani di un consumatore italiano medio? Facile: un portafoglio. Banca Mediolanum spinge più in là i limiti dell’innovazione bancaria al servizio del cliente retail e si prepara a lanciare una nuova tecnologia per i micropagamenti: al bar, al supermercato, sul taxi, in edicola. Uno strumento destinato ai clienti della banca presieduta da Ennio Doris, al momento ancora in fase di test. Per dirla in parole povere, consentirà di pagare "strisciando" lo smartphone sul dispositivo del negoziante. Proprio come una carta di credito, ma con il vantaggio che i messaggi sui movimenti della carta-cellulare arriveranno istantaneamente sul dispositivo dell'utente.

IL FORUM DI MEDIOLANUMBanca Mediolanum ha annunciato la novità al Mediolanum Innovation Forum 2013, una tavola rotonda non a caso intitolata "La nuova era del mobile payment", martedì 21 maggio, in Triennale, a Milano. "Ogni volta che consegniamo una novità ai nostri clienti la testiamo personalmente per mesi facendo migliaia e migliaia di operazioni per essere tranquilli nel momento in cui la lanciamo”, ha spiegato ai giornalisti il presidente Ennio Doris. “Io ho fatto personalmente qualche decina di operazioni. Quello che proponiamo sostituirà tutti i pagamenti in cui si richiede la carta di credito”. Insomma, la tecnologia si conferma un tema assai caro a Banca Mediolanum e al suo fondatore Ennio Doris. “Noi riceveremo un premio a giugno come la banca italiana retail più innovativa in assoluto per un'altra applicazione, per il pagamento delle bollette”.

IL LANCIO ALL'INIZIO DEL 2014 – Finora 60 le persone coinvolte nell'esperimento, secondo quanto ha comunicato la stessa banca, 600 le transazioni effettuate, 200 i negozi testati. “Come banca siamo nati nel 1997, un'epoca in cui dominavano le filiali”, ha ricordato l’amministratore delegato e direttore generale della banca Massimo Doris. "Potevamo aprirne anche noi, di filiali, ma abbiamo voluto pensare alla banca del futuro, senza sportelli”. E così c’è stato Internet, con i family banker che nella visione del fondatore Ennio Doris sono i bancari che vanno direttamente a casa dei clienti. Il test sul mobile payment va avanti da un mese e mezzo circa e continuerà fino alla messa a punto finale e al lancio, che potrebbe essere all’inizio del 2014.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Smartphone, cosa insegnano le difficoltà dell’industria asiatica

Apple: incognita iPhone 11, convincerà i consumatori?

Mobile Banking: la banca su smartphone per 6 italiani su 10

NEWSLETTER
Iscriviti
X