Societe Generale resta prudente su Telecom Italia

A
A
A
di Luca Spoldi 24 Maggio 2013 | 13:32

Giudizio a caldo negativo dopo la decisione del Cda di Telecom Italia di prendere ulteriore tempo in merito al possibile scorporo della rete fissa. I problemi da affrontare restano numerosi


TUTTE LE PERPLESSITA' DEGLI UOMINI DI SOCIETE GENERALE – Giudizio “a caldo” negativo da parte di Societe Generale alla decisione del Cda di Telecom Italia di prendere ancora tempo in merito al possibile scorporo della rete fissa (e all’eventuale integrazione con 3 Italia, ndr). Una decisione che “non ha sorpreso” gli analisti “data la difficoltà del compito” e le incertezze procedurali dopo che alcuni competitor di Telecom Italia hanno inviato una lettera alle autorità chiedendo assicurazioni circa una “concorrenza equa” nel caso in cui l’ex monopolista telefonico italiano decida di procedere con lo spin off della rete fissa. Spin off che “sarebbe positivo per gli spread sul credito di Telecom Italia” secondo gli uomini di Societe Generale, ma che anche alla luce della possibile distanza in termini di valutazione tra la stessa Telecom Italia e CdP (che ha già annunciato di aver sospeso per ora ogni decisione in merito all’investimento o meno nella rete telefonica fissa a causa di divergenze valutative) sembra essere già correttamente valutato negli attuali livelli di spread creditizi di Telecom Italia.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti