Fiat sui massimi degli ultimi 22 mesi a 6,15 euro

A
A
A
di Luca Spoldi 31 Maggio 2013 | 15:23

Il titolo beneficia dei rumors circa il prossimo finanziamento per rilevare il rimanente 41,5% di Chrysler, con cui Fiat potrebbe fondersi per poi quotarsi a Wall Street. Marchionne rimarrà oltre il 2015


I RUMORS FANNO BENE AL LINGOTTO – Fiat in battuta sino alla fine a Milano, dove il titolo ordinario si avvia a chiudere la settimana attorno ai 6,15 euro (+3,7% il guadagno nella giornata odierna) sospinto tanto dalle dichiarazioni di ieri di John Elknann secondo cui Sergio Marchionne resterà “ben oltre il 2015” ai vertici del gruppo sia dalle voci secondo cui Bank of America, Deutsche Bank, Goldman Sachs e Bnp Paribas, che avrebbero già dato il loro assenso verbale ad un finanziamento da 10 miliardi di dollari necessario a riacquistare da Veba (fondo pensione del sindacato Uaw) il 41,5% di Chrysler così da salire al 100% e procedere poi con un’Ipo a Wall Street. All’intesa mancherebbero peraltro ancora le firme finali ed è dunque possibile che vari anche la consistenza complessiva del prestito, anche perché la quota di Veba non dovrebbe costare più di 3-3,5 miliardi di dollari, sia i dettagli sul soggetto che riceverà il prestito (la creazione di una Newco in venissero fuse Fiat e Chrysler e i cui titoli fossero offerti in concambio agli attuali azionisti Fiat consentirebbe al nuovo soggetto di ottenere almeno 5 miliardi di dollari i finanziamenti senza tensioni sui rating, secondo molti analisti).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti