Per Mps e Bpm si avvicina un cambio di governance: sarà vero?

A
A
A
di Luca Spoldi 6 Giugno 2013 | 08:17

Se nel caso dell'istituto milanese sarebbe Banca d'Italia a premere per arrivare alla trasformazione in Spa "ibrida", l'istituto senese potrebbe rimuovere il tetto ai diritti di voto per attrarre nuovi soci

PER BPM E MPS SI AVVICINA UN CAMBIO DI GOVERNANCE? – Sarà la volta buona? Mentre da più parti si torna a ipotizzare un “pressing” di Banca d’Italia affinchè i dipendenti-soci di Bpm accettino la trasformazione in Spa “ibrida” così da riequlibrare i poteri assembleari sinora sbilanciati a favore di dipendenti e pensionati dalla regola del voto capitario, anche attorno a Mps si intensificano le voci di una prossima rivisitazione della governance che elimini il tetto del 4% ai diritti di voto di soci diversi dalla Fondazione.

AUMENTO RISERVATO AI SOCI – Una misura più volte auspicata dal presidente Alessandro Profumo e dall’amministratore delegato Fabrizio Viola per incrementare la contendibilità del titolo e che potrebbe essere varata da un’assemblea straordinaria da convocare nei prossimi mesi, dopo che il 17 giugno la banca avrà presentato alla Commissione Ue il piano di ristrutturazione a cui è condizionato il via libera agli aiuti pubblici per oltre 4 miliardi. Piano che prevede, tra l’altro, un aumento da 1 miliardo di euro riservato a nuovi soci, per trovare più facilmente i quali sembrerebbe opportuno rimodulare la governance.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banco Bpm rialza la testa in scia ai rumors sull’M&A. I prossimi target tecnici

Fca apre un gap rialzista in scia ai rumors sull’interesse di Renault/Nissan

Banca popolare di Bari: cessioni, cavaliere bianco o spezzatino?

NEWSLETTER
Iscriviti
X