Jp Morgan: solo una correzione dei mercati o c’è di più?

A
A
A
di Luca Spoldi 5 Giugno 2013 | 13:17

Per Maria Paola Toschi, global market strategist dei fondi di Jp Morgan, occorre distinguere tra azioni americane, europee e giapponesi. I segnali più promettenti paiono venire dal vecchio continente


WALL STREET DIFENSIVA, GIAPPONE PIU' INCERTO – Maria Paola Toschi, global market strategist per i fondi di Jp Morgan, ricorda in una nota di stamane come settimane si sia assistito “a un ritorno di volatilità sui mercati” e si chiede se sia “solo una correzione o qualcosa di più serio?”. Secondo l’esperta occorre distinguere: “Le azioni statunitesi potrebbero soffrire meno a causa del rialzo dei tassi, perché questo avverrà quando il ciclo economico del paese sarà più solido e credibile e potrà sostenere una ripresa di crescita degli utili”, mentre “alcune asset class potrebbero soffrire indirettamente del rialzo dei tassi statunitensi” e “tra queste, le obbligazioni dei paesi emergenti”. In Giappone “la ripresa economica è più incerta, rispetto al caso Stati Uniti, per questo il mercato azionario potrà rivelarsi più volatile anche a causa del recente rialzo troppo repentino”, tuttavia le azioni giapponesi sono ancora relativamente poco presenti nei portafogli globali e delle famiglie giapponesi e vi è dunque spazio per un incremento del loro peso, incremento che dovrebbe sostenere il mercato. Infine “il graduale processo di stabilizzazione in Europa potrà ancora alimentare una ripresa di interesse verso i mercati azionari europei, che mostrano ancora delle valutazioni relativamente interessanti”.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti