L’ondata ribassista prosegue anche a Milano

A
A
A
di Luca Spoldi 13 Giugno 2013 | 08:30

Avvio di giornata in calo di oltre un punto percentuale per gli indici della borsa italiana, tra le blue chip solo in quattro evitano le perdite, con Salvatore Ferragamo e Buzzi Unicem già in rosso di oltre il 3%


BPM E TELECOM ITALIA RESISTONO ALLA LETTERA – Dopo l’ennesimo crollo di Tokyo e dei principali mercati emergenti asiatici (erano 17 anni che non si registrava una così lunga sequenza di ribassi consecutivi), anche i mercati europei aprono in rosso, con Piazza Affari che allo scoccare della prima ora di contrattazioni vede l’indice Ftse Ftse Mib cedere l’1,10% al pari dell’indice Ftse Italia All-Share, mentre il paniere Ftse Italia Star cala dell’1,45%. Tra le blue chip italiane resistono alla lettera Bpm, Parmalat, A2A e Telecom Italia, per il resto si notano solo segni rossi, con Salvatore Ferragamo, Buzzi Unicem, Gtech e Azimut tra le peggiori con perdite superiori al 3% a testa.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti