Mango sfida a H&M e Zara

A
A
A
di Redazione 14 Giugno 2013 | 09:41

Secondo Isak Andic, co-fondatore e oggi unico azionista del gruppo spagnolo l'obiettivo è arrivare a 10 miliardi di euro (dagli attuali 1,6 miliardi) entro 10 anni

CON LE PROPRIE FORZE – Nessuna alleanza. Nessun partner industriale o finanziario. Mango prosegue da sola e con i suoi mezzi. È la parola di Isak Andic, co-fondatore e oggi unico azionista del gruppo spagnolo il cui obiettivo è arrivare a 10 miliardi di euro (dagli attuali 1,6 miliardi) entro 10 anni, come anticipa in un colloquio con il Corriere della Sera il general manager Enric Casi.

SEDE CENTRALE  -Nella sede centrale della catena di moda, a una trentina di chilometri da Barcellona, dove lavorano 1.800 persone di cui 150 al solo centro stile, considerano il 2012 come l’anno-spartiacque. Quello in cui ha iniziato a dare i suoi frutti il cambio di strategia basata su prezzi ribassati e messi bene in vista nella pubblicità; su un prodotto trendy ma più basico; su nuove linee già avviate, come quelle dedicate al bambino, allo sport e la lingerie o quelle prossime come Violetta by Mango; sull’apertura di nuovi negozi in giro per il mondo (metà in proprio e l’altra metà in franchising con il conto-deposito), ma soprattutto in Europa che si conferma il mercato più importante.

POTENZIAMENTO IN ITALIA – È in questa strategia che si colloca anche il potenziamento dell’Italia. Mango è il secondo gruppo della moda spagnolo, dopo la Inditex di Amancio Ortega che nel 2012 ha sfiorato i 16 miliardi di euro di ricavi. È per concorrere ad armi pari con Zara (marchio principale di Inditex) o con la svedese H&M che Mango vuole accelerare la crescita? "No – dice Casi -. Noi siamo già in "serie A" come Inditex e H&M. È che servono economie di scala e 10 miliardi danno quelle giuste per noi.

NIENTE ACQUISTI – Li raggiungeremo con le nostre linee, sempre a marchio Mango (mentre Inditex ha creato una serie di brand separati), ne stiamo lanciando di nuove e altre verranno. L’idea di acquistare altre aziende o marchi non esiste, a meno che non si presenti qualcosa di veramente interessante, non si sa mai, ma non è una nostra strategia”. Qualche anno fa in Italia si era parlato di trattative con Stefanel. E anche quando si fanno ipotesi su possibili partnership di Benetton, oltre al nome di Zara, si fa quello di Mango, per dimensioni più vicino al gruppo di Ponzano Veneto. Ma è lo stesso Andic a dire che non esiste oggi nella strategia del gruppo spagnolo l’idea di allearsi ad alcuno.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Intesa, un accordo per rilanciare la moda

Investimenti: opportunità dal settore moda se sarà più sostenibile

Investimenti, moda e lusso si rifanno il trucco. Il certificato per approfitarne

NEWSLETTER
Iscriviti
X