Rcs crolla in borsa, le quotazioni tornano sotto il prezzo dell’aumento

A
A
A
di Luca Spoldi 3 Luglio 2013 | 10:56

Chi ha acquistato i diritti ha tempo fino a venerdì sera per essercitarli a 1,253 euro per azione ordinaria, così sono scattati arbitraggi sul titolo che soffre anche l'incertezza per le mosse di Della Valle

RCS ORDINARIE OSCILLANO APPENA SOTTO I PREZZI DELL'AUMENTO – Pesante tonfo di Rcs MediaGroup stamane in borsa, dove il titolo a metà seduta passa di mano a 1,243 euro per azione in calo del 33,5%, appena sotto i livelli a cui si possono esercitare, entro venerdì sera, i diritti relativi all’aumento di capitale da 421 milioni di euro massimi in corso. Molto elevati anche gli scambi, con oltre 15,5 milioni di pezzi scambiati, pari a circa il 12,5% del capitale ordinario. Un crollo che gli operatori collegano ad arbitraggi ma che secondo qualche analista potrebbe anche risentire delle residue incertezze circa l’adesione (e in che percentuale) di Diego Della Valle (al momento socio all’8,7% ma fuori dal patto di sindacato) all’operazione, al termine della quale Fiat salirà al 20,1% riconquistando il ruolo di primo socio dell’editore del Corriere della Sera.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: Piazza Affari resta una valida opportunità. Ecco perchè

Piazza Affari non è un posto per giovani: tra manager eterni e poco ricambio generazionale

Mercati: Piazza Affari si tinge sempre più di green

NEWSLETTER
Iscriviti
X