Societe Generale: restate “lunghi” sul greggio

A
A
A
di Luca Spoldi 30 Agosto 2013 | 13:23

Secondo gli esperti della banca d'affari francesi è difficile prevedere quando e a che livello il petrolio toccherà un picco di quotazioni, ma è probabile che avvenga subito dopo un eventuale attacco militare


ATTACCO ALLA SIRIA? PETROLIO SOPRA I 120 DOLLARI AL BARILE – Che succederebbe al prezzo del greggio se gli Usa ed eventuali alleati attaccassero la Siria militarmente? Secondo gli esperti di Societe Generale, che hanno alzato le previsioni sul target price del future sul Brent per consegna dicembre a 117 dollari al barile dai precedenti 112-115, il prezzo potrebbe inizialmente schizzare a 120-125 dollari, probabilmente subito dopo l’inizio di eventuali ostilità. Poiché verosimilmente l’azione avverrebbe durante la notte siriana, il petrolio potrebbe immediatamente schizzare all’insù sui mercati asiatici e dopo qualche ora su quelli europei. Per il momento dunque gli esperti del gruppo francese continuano a consigliare di rimanere “lunghi” (investiti) sul greggio, mentre si suggeriscono posizioni “corte” (ossia di vendita allo scoperto) su oro, argento, rame e gas naturale.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti