Istat: fatturato industria cala ad agosto, pesa energia

A
A
A
di Luca Spoldi 21 Ottobre 2013 | 09:22

Sebbene il dato destagionalizzato cresca dell'1% grazie al fatturato estero (+3,1%), corretto per gli effetti di calendario il dato segna una caduta del 4,8% a causa del -7,4% segnato dalla domanda interna

AGOSTO FREDDO PER L'INDUSTRIA, PESA CRISI DOMESTICA – Anche se ad agosto il fatturato dell’industria, al netto della stagionalità, è salito dell’1,0% rispetto a luglio (rimanendo stabile sul mercato interno e registrando un incremento del 3,1% su quello estero), dato leggermente migliore rispetto alla media degli ultimi tre mesi (+0,9% rispetto ai tre mesi precedenti grazie ad un +1,0% per il fatturato interno e +0,7% per quello estero), il dato corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 21 contro i 22 di agosto 2012), vede il fatturato totale calare in termini tendenziali del 4,8%, con un calo del 7,4% sul mercato interno e un incremento dell’1,0% su quello estero. Secondo quanto precisa l’Istat, in particolare, gli indici destagionalizzati del fatturato segnano incrementi congiunturali per i beni di consumo (+1,4%), per i beni intermedi (+1,3%) e per i beni strumentali (+0,7%), mentre per l’energia si registra una flessione (-0,9%). Anche l’indice grezzo del fatturato cala, in termini tendenziali, del 7,6%: il contributo più ampio a tale diminuzione viene anche in questo caso dalla componente interna dell’energia.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Ripresa in Europa e Usa, un quarto trimestre da dimenticare

Dalla riunione della Bce ai dati sulla produzione industriale, l’agenda della settimana

Vaccini, il “Jurassic Park” dei mercati

NEWSLETTER
Iscriviti
X