Telecom Italia: che intenzioni avrà BlackRock?

A
A
A
di Luca Spoldi 16 Dicembre 2013 | 09:26

Consob impone a Telecom Italia e BlackRock di chiarire che stia succedendo nell'azionariato dell'ex monopolista telefonico italiano. La prima dice di non aver avuto notizie, la seconda ammette: siamo saliti

TELECOM ITALIA, IL MISTERO SI INFITTISCE – Si infittisce il mistero attorno a Telecom Italia e ai movimenti all’interno del suo capitale. In una nota emessa su richiesta della Consob la società italiana fa sapere di non aver ancora avuto alcuna risposta formale alla richiesta di chiarimenti inviata al fondo americano BlackrRock dopo che si è diffusa la notizia di una sua salita al 10,14% del capitale a seguito della pubblicazione di un filing model inviato alla Sec. Lo stesso BlackRock ha nel frattempo precisato in una nota di detenere una quota pari al 7,783% dei titoli con diritto di voto (796.691.186 azioni, registrate per la prossima assemblea) di Telecom Italia ed uno 0,006% tramite Adr, pari al 7,789% totale.

INTERESSANTE RENDIMENTO IN TERMINI DI DIVIDENDO – Secondo il fondo a stelle e strisce la soglia rilevante del 10% non sarebbe di fatto stata superata, essendo il resto dei titoli detenuti (nel complesso pari a 1.044.240.287 azioni) legato al convertendo recentemente emesso da Telecom Italia. Sarà a questo punto importante vedere come si muoverà BlackRock nell’assemblea di Telecom del prossimo 20 dicembre, in cui si troverà a recitare il ruolo di ago della bilancia tra Telco e piccoli azionisti. Anche perché secondo alcuni dietro a BlackRock (che nel frattempo potrebbe essere salita sino a poco meno del 15% senza ulteriori obblighi di comunicazione alla Sec) si potrebbe celare qualche altro potenziale azionista o Telefonica stessa.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banco Bpm rialza la testa in scia ai rumors sull’M&A. I prossimi target tecnici

Fca apre un gap rialzista in scia ai rumors sull’interesse di Renault/Nissan

Banca popolare di Bari: cessioni, cavaliere bianco o spezzatino?

NEWSLETTER
Iscriviti
X