Banche in crisi dopo conti Deutsche Bank

A
A
A
di Luca Spoldi 20 Gennaio 2014 | 17:14

Sul finale una corrente di acquisti riporta in pari gli indici di Milano, ma per i titoli bancari non c'è scampo: le prese di profitto scattano copiose dopo una trimestrale a sorpresa negativa da parte di Deutsche Bank

PIAZZA AFFARI CHIUDE IN PARITA’ – Dopo una partenza in calo e un secondo storno a inizio pomeriggio, Piazza Affari grazie a un guizzo finale riesce a riportarsi in parità col Ftse Mib che chiude a +0,02%, mentre il Ftse Italia All-Share segna +0,08% e il Ftse Italia Star perde lo 0,71% in una giornata caratterizzata dall’assenza di ordini da Wall Street, chiusa per il Martin Luther King’s Day. Tra le blue chip italiane si mette in luce Luxottica, davanti a Saipem, Autogrill e Tenaris tutte con rialzi tra i 2 e i 4 punti a testa.

BANCHE IN CALO, PESA DEUTSCHE BANK – In pesante ribasso Bpm (-6% circa a fine giornata), per lo scattare di robuste prese di beneficio nonostante l’indiscrezione della prossima nomina di Giuseppe Castagna a consigliere delegato. Pesano alcuni timori che hanno colpito il settore bancario europeo dopo una trimestrale a sorpresa negativa di Deutsche Bank. Così tra i peggiori si notano anche Ubi Banca, Banco Popolare, Mediobanca e Bper, tutte con perdite tra i 2 e i 4 punti a testa.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Dopo i sorteggi Champions Juve poco mossa in borsa

Scudetto a rischio e coppe incerte: la Juve sale, frena la Lazio in borsa

La Serie A ripartirà il 20 giugno per evitare il crack

NEWSLETTER
Iscriviti
X