Anche l’Asia prova a ripartire

A
A
A
di Luca Spoldi 4 Marzo 2014 | 11:28

Nonostante il permanere di uno stato di allerta in Crimea la speranza che prevalga una soluzione diplomatica consente ai listini asiatici di recuperare terreno

ANCHE L’ASIA PROVA A RIMBALZARE – Il trascorrere delle ore senza che si sia giunti a uno scontro armato in Crimea tra Ucraina e Russia consente ai mercati azionari anche asiatici di recuperare terreno, con Tokyo che vede il Nikkei225 rimbalzare a 14.721.48 yen (+0,47%), Hong Kong che chiude a +0,70% mentre Shanghai, ieri positiva, oggi cede lo 0,28%. Tra le blue chip giapponesi si mettono in luce Tokyo Tatemono, Nippon Paper Industries e Sumitomo Realty & Development, mentre cedono ulteriore terreno Ngk Insulators, Advantest e Nitto Denko.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Possibile ritorno d’interesse per l’azionario giapponese

Asia in rialzo dopo il nulla di fatto della Fed

I dati macro affossano gli indici di borsa

NEWSLETTER
Iscriviti
X