Riparte il mercato dell’auto. Ma non è uguale per tutti

A
A
A
di Ettore Mieli 10 Marzo 2014 | 10:41

L’Osservatorio Assicurazioni Auto di Segugio.it rileva una ripresa del mercato automobilistico con valori delle nuove auto assicurate molto diversi tra le varie Regioni e Province italiane

L’AUTO RIPARTE – Il mercato auto dà finalmente segnali di ripresa. I dati ufficiali relativi alle immatricolazioni, infatti, fanno ben sperare: rispetto a febbraio 2013, lo scorso mese ha segnato un +8,59% delle immatricolazioni di auto e, complessivamente, i primi due mesi del 2014 hanno registrato un +6,02% rispetto allo stesso periodo dell’anno passato. Anche l’Osservatorio mensile di Segugio.it, comparatore di assicurazioni online, di finanziamenti e di tariffe del Gruppo MutuiOnline, registra dati positivi: la richiesta di prime polizze per auto nuove passa dal 5,12% del primo semestre 2013 al 5,62% del primo bimestre 2014, con una crescita del 9,8%.

A LIVELLO REGIONALE – La media a livello nazionale del valore delle auto nuove per la quale è stato richiesto un preventivo assicurativo nel periodo gennaio-febbraio 2014 è di circa 21.200 euro, ma la dinamica è molto diversa tra le varie Regioni. Al primo posto con le autovetture più costose troviamo la Valle d’Aosta (con un valore medio delle auto nuove di 30.749 euro), seguita dal Trentino Alto Adige (24.858 euro) e dal Friuli Venezia Giulia (23.221 euro); chiudono la classifica le Marche (20.365 euro), il Lazio (20.315 euro) e la Sardegna (19.834 euro).

IMMATRICOLAZIONI – Infine, le Province italiane in cui vengono immatricolate le autovetture più costose sono Aosta (con 30.749 euro di valore medio per le auto nuove), Enna (27.679 euro), Biella (27.348 euro), Gorizia (26.075 euro) e Bolzano (25.712 euro), mentre le ultime in classifica sono Palermo (18.810 euro), Ascoli Piceno (18.555 euro), Massa (18.422 euro), Catanzaro (18.001 euro) e Nuoro (17.184 euro).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Auto, ecco come crescerà la domanda mondiale

Automotive, l’evoluzione del modello distributivo sarà la chiave per recuperare marginalità

Il fund manager Gabrielli: “Ripensare i portafogli in funzione della mobilità elettrica”

NEWSLETTER
Iscriviti
X