Ancora un risultato positivo per New York, bene anche i bond

A
A
A
di Luca Spoldi 28 Marzo 2014 | 22:15

Seduta positiva anche grazie a buoni dati macro e ad agli sforzi per trovare un compromesso diplomatico sull'Ucraina tra Usa e Russia. In ripresa anche i bond, tornati sui livellli di un mese fa, qualche presa di profitto indebolisce l'oro

WALL STREEET RALLENTA MA RESTA POSITIVA – Ultima seduta della settimana in rialzo per gli indici di Wall Street, col Dow Jones che chiude a +0,36%, l’S&P500 in rialzo dello 0,46%, le small cap del Russell 2000 stabili (+0,03%) e il Nasdaq che dopo un’apertura in deciso allungo torna sui suoi passi e chiude a +0,11%. Tra le blue chip si mettono in mostra Microsoft, Exxon Mobil, Cisco e Intel, mentre cedono Visa, Pfizer e Verizon Communications.

BOND SUI LIVELLI DI UN MESE FA – I T-bond dal canto loro vedono il rendimento sul decennale calare nuovamente sul 2,72% e quello del trentennale sul 3,55%, tornando così attorno ai valori di fine febbraio. L’oro cala ancora a 1.294,3 dollari l’oncia (17,2 dollari sotto il precedente fixing), l’argento scivola a 19,83 dollari (15 centesimi di perdita) e il petrolio risale sui 101,67 dollari al barile (2,46 dollari sopra l’ultima chiusura).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, Vix: la paura può giocare brutti scherzi

Mercati, dopo Omicron, un altro colpo a Wall Street dalla Fed

Asset allocation, azioni: attenzione al rendimento reale degli utili

NEWSLETTER
Iscriviti
X