BlackRock: l’immobiliare Usa? Peggio adesso che prima della crisi

A
A
A
di Redazione 23 Maggio 2014 | 08:08

I primi mesi del 2014, per le vendite di case esistenti, hanno rappresentato il peggior inizio anno dal 2007

PREVISIONILarry Fink, amministratore delegato di BlackRock, ritiene che il mercato immobiliare degli Stati Uniti “sia strutturalmente più instabile” oggi che prima della crisi subprime. Questo a causa della dipendenza dalle società di mutui garantite dallo stato, come Fannie Mae e Freddie Mac.”Siamo più dipendenti da Fannie e Freddie oggi, di quanto non lo fossimo prima della crisi”, ha detto Fink, parlando nel corso di una conferenza tenutra dall'Investment Company Institute, a Washington, ripresa dal sito Wallstreetitalia.com. Sia Fannie Mae che Freddie Mac, sull'orlo dell'insolvenza, sono state salvate dal Tesoro Usa con un bailout complessivo di 187,5 miliardi di dollari. Non aiutano affatto i numeri arrivati dal fronte immobiliare Usa, con le vendite di case esistenti che sono salite ad aprile del +1,3% a un tasso di 4,65 milioni, inferiore alle attese. Facendo riferimento ai dati che sono stati resi noti nei mesi scorsi, si può dire che i primi mesi del 2014, per le vendite di case esistenti, hanno rappresentato il peggior inizio anno dal 2007.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Asset allocation: tutte le ragioni per scommettere sugli emergenti

Mercati, investire nell’era della repressione finanziaria

Schroders, investire può far bene a tutti

NEWSLETTER
Iscriviti
X