La Bce ora può rompere gli indugi

A
A
A
di Luca Spoldi 26 Maggio 2014 | 09:22

Draghi ha già mandato ripetuti messaggi e il risultato elettorale di ieri potrebbe consentirgli di rompere gli indugi: che sia un taglio dei tassi, una nuova Ltro o l'avvio di un programma di acquisto di Abs

CRESCE L’ATTESE PER LA BCE – Era un bisbiglio a inizio giornata, ora è un rumore di fondo distintamente percepibile a Piazza Affari: i risultati delle elezioni europee sembrano accrescere la possibilità che la Banca centrale europea avvii un programma di acquisto di asset sul mercato per sostenere la ripresa europea, tanto più se le aspettative sull’inflazione calassero ulteriormente o l’euro rimanesse troppo forte.

TAGLIO DEI TASSI, QE O LTRO? – Difficilmente Eurotower nel prossimo meeting di giugno annuncerà un Qe vero e proprio, ma a questo punto costituirebbe una sorpresa negativa il mancato taglio dei tassi ufficiali (dai 10 ai 15 centesimi sul repo, ora allo 0,25% e forse di altrettanto sui depositi, ora a zero e dunque destinati a passare in territorio negativo), ma anche una prima operazione di acquisto di Abs o il varo di una nuova Ltro per cercare di stimolare il credito e riavviare quella crescita che la “cura tedesca” a colpi di repressione fiscale rischia tuttora di stroncare sul nascere.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Banco Bpm rialza la testa in scia ai rumors sull’M&A. I prossimi target tecnici

Fca apre un gap rialzista in scia ai rumors sull’interesse di Renault/Nissan

Banca popolare di Bari: cessioni, cavaliere bianco o spezzatino?

NEWSLETTER
Iscriviti
X