Sono ancora i rischi geopolitici a pesare sui mercati

A
A
A
di Luca Spoldi 8 Agosto 2014 | 13:56

I segnali distensivi in arrivo dalla Russia controbilanciano il crescere della tensione in Medio Oriente. Indici azionari stabili a Wall Street, dove recuperano terreno i bond

WALL STREET IN EQUILIBRIO (INSTABILE) – Wall Street con gli occhi all’estero: se preoccupa l’evoluzione della crisi in Iraq (dopo che Barack Obama ha dato il suo assenso ad attacchi ad eventuali attacchi aerei)  e in Palestina (dove sono riprese le ostilità al termine del cessate il fuoco tra Israele e Hamas), i ramoscelli d’ulivo che la Russia torna a mostrare nei confronti dell’Ucraina sembrano offrire un supporto al mercato. Così dopo i primi scambi il Dow Jones resta a +0,02%, l’indice S&P500  è invariato e il Nasdaq oscilla a -0,02%.

HOME DEPOT E NVIDIA IN LUCE, CALA AETNA – Tra i titoli che stanno movimentando questo avvio di giornata si notano Nvidia, Cbs e Home Depot in rialzo, mentre perdono quota General Electric e Aetna. I T-bond vedono il rendimento del decennale calare sul 2,42% e quello del trentennale rimanere sul 3,23%, mentre l’oro è indicato a 1311,30 dollari l’oncia (1,2 dollari sotto l’ultima chiusura), l’argento resta a 19,97 dollari (2 centesimi peggio di ieri) e il petrolio oscilla sui 97,70 dollari al barile (36 centesimi più della vigilia).

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, azioni: ecco cosa dice la statistica per il mese di aprile

Mercati, tassi Usa e Wall Street: ecco le correlazioni a cui fare attenzione

Mercati: l’America First di Wall Street

NEWSLETTER
Iscriviti
X