Torna la calma in Asia, Ferragamo rimbalza

A
A
A
di Luca Spoldi 4 Dicembre 2014 | 09:07

Mentre gli indici dei listini azionari di tutta Europa restano sui livelli delle chiusure di ieri a Milano si mettono in luce Ferragamo e Tod's, con qualche presa di profitto che penalizza Banco Popolare e Cnh Industrial


BORSE EUROPEE PRUDENTI, GUARDANO A BCE – Apertura cauta dei listini europei nel giorno dell’ultima riunione del 2014 della Bce che non dovrebbe annunciare particolari novità ma forse indicare la data di avvio dell’annunciato programma di acquisto di covered bond e ribadire la disponibilità a valutare un ampliamento degli asset acquistabili se i programmi già lanciati non bastassero a riportare l’attivo di bilancio ai livelli di fine 2012. A Milano dopo circa un’ora di lavoro il Ftse Mib oscilla a +0,01%, al pari del Ftse Italia All-Share, mentre il Ftse Italia Star guadagna lo 0,27%.

RIALZI IN ASIA, A MILANO BRILLA FERRAGAMO – Ieri sera Wall Street aveva chiuso la giornata in lieve rialzo col Dow Jones a +0,18%, l’S&P500 a +0,38% e il Nasdaq a +0,39%. Bene anche i listini asiatici che stamane vedono l’indice Nikkei225 della borsa di Tokyo risalire a 17.887 yen (+0,94%), mentre Hong Kong segna +1,72% e Shanghai chiude a +4,31% sulla scia della stabilizzazione del rublo e delle quotazioni del petrolio. Tra le blue chip tricolori in luce dopo i primi scambi Salvatore Ferragamo, che recupera il 2,75% dopo le perdite degli ultimi giorni. Bene anche Tod’s, Stm e Pirelli, mentre tornano a perdere quota Banco Popolare, Cnh Industrial e Prysmian.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X