Milano prova a ripartire con petroliferi e banche

A
A
A
di Luca Spoldi 15 Dicembre 2014 | 08:55

La rielezione di Shinzo Abe non emoziona il listino di Tokyo che anzi perde terreno. Prudente avvio di giornata in Europa dopo la pessima settimana passata, a Milano bene petroliferi e bancari

MALE TOKYO, EUROPA PRUDENTE – La vittoria di Shinzo Abe che ottiene un secondo mandato per provar a far funzionare la “Abeconomics” ma vede aumentare fortemente l’astenzionismo non esalta i mercati, con Tokyo che chiude anzi la giornata in rosso dell’1,45% con l’indice Nikkei225 a 17.099 yen. In calo dello 0,95% anche Hong Kong mentre Shanghai ha chiuso in recupero. In Europa dopo la peggiore settimana dell’ultimo anno i listini riaprono in moderata ripresa e Milano non fa eccezione.

PETROLIFERI IN RECUPERO – Dopo una mezzora di lavoro l’indice Ftse Mib segna +0,35%, il Ftse Italia All-Share è a +0,31%, mentre il Ftse Italia Star cede lo 0,41%. Tra le blue chip tricolori il ritorno sopra i 62 dollari al barile del greggio favorisce un rimbalzo di Saipem davanti a Ubi Banca, Mps e Tenaris, tutte oltre l’1,5% di guadagno. In calo per ora si notano Stmicroelectronics e Finmeccanica, che cedono circa lo 0,75% ciascuna.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Piazza Affari, Del Vecchio-Caltagirone: rischio concerto?

Dopo i sorteggi Champions Juve poco mossa in borsa

Scudetto a rischio e coppe incerte: la Juve sale, frena la Lazio in borsa

NEWSLETTER
Iscriviti
X