La Fed resterà alla finestra anche nel 2015?

A
A
A
di Luca Spoldi 17 Dicembre 2014 | 12:44

Cresce il numero di coloro che ritengono probabile che la Federal Reserve non tocchi i tassi ancora per tutto il 2015

LA FED AGGIORNA LE PREVISIONI, CHE DIRA’ SUI TASSI? – Aumenta il numero di coloro che prevedono che la Federal Reserve (che oggi aggiornerà le proprie stime su inflazione, occupazione e crescita ma non toccherà i tassi) pur volendo mandare segnali di un possibile primo rialzo dei tassi nel corso del 2015 (atteso tra il maggio e agosto), finirà col prendere ancora tempo, a causa del crollo dei prezzi petroliferi, della crisi del rublo e del conseguente rafforzamento del dollaro. Tutti fattori che contribuiscono a convalidare il modello di un mondo che cresce poco e a bassa inflazione e dunque riducono la necessità di un rialzo dei tassi sul biglietto verde.

PER CITIGROUP, GROSS E KRUGMAN NIENTE RIALZI – La tesi, già sostenuta dagli analisti di Citigroup (per i quali oggi Janet Yellen non modificherà la frase con la quale da mesi la Fed ripete che i tassi rimarranno sui livelli attuali “per un considerevole periodo di tempo”), ha infatti guadagnato anche il sostegno dell’invstitore miliardario Bill Gross (passato quest’anno da Pimco a Janus Capital) che in un tweet ha scritto: “La Fed è in un angolo: vuole alzare i tassi nel 2015 ma petrolio/dollaro/deflazione dicono no, no no!”. Mentre anche il Nobel Paul Krugman ha dichiarato che la Federal Reserve potrebbe stare alla finestra per l’intero prossimo anno.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Mercati, tapering e tassi Usa: le attese degli analisti

Mutui: in Italia, tassi tra i più bassi al mondo

Investimenti: le ipotesi sulla nuova normalità

NEWSLETTER
Iscriviti
X