Milano allunga il passo grazie a Fed e Tsipras

A
A
A
di Luca Spoldi 18 Dicembre 2014 | 17:44

La banca centrale americana ha confermato che sui tassi avrà "pazienza", mentre la sinistra greca assume toni più concilianti nei confronti dell'Europa e a Milano tornano i "tori", con Finmeccanica protagonista

FED E TSIPRAS FANNO TIRARE UN SOSPIRO DI SOLLIEVO – Non si può certo parlare di “rally natalizio” a Piazza Affari, visto le perdite che nelle ultime settimane avevano in pratica azzerato ogni guadagno da inizio anno, ma dopo che la Federal Reserve ha ribadito che sui tassi avrà “pazienza” (di fatto confermando che un primo rialzo non arriverà che tra il secondo e il terzo trimestre del prossimo anno) il tono si è fatto più disteso, anche perché anche in Grecia i toni di Tsipras si stanno ammorbidendo, così l’indice  Ftse Mib è salito del 2,65%, mentre il Ftse Italia All-Share ha guadagnato il 2,55% e il Ftse Italia Star è stato fissato a +1,88%.

FINMECCANICA A TUTTO GAS, MALE MPS E CAMPARI – Tra le blue chip tricolori a fine giornata brilla Finmeccanica, cha ha sfiorato il +5% in chiusura in attesa della decisione del Cda circa le offerte per il 100% di Ansaldo Breda e per il 40% di Ansaldo Sts. Molto bene anche Stm (+4,56%), oltre a Buzzi Unicem, Intesa Sanpaolo e Generali, che oggi ha annunciato l’acquisizione del 49% della malese Mpib (con un’opzione per salire al 70% tra due anni) per 81,4 milioni di euro. In deciso ribasso solo Mps e Campari, mentre Saipem dopo essere partita in deciso recupero ha sofferto le nuove incertezze delle quotazioni petrolifere ed ha chiuso in rosso di poco più di mezzo punto.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

Piazza Affari, Del Vecchio-Caltagirone: rischio concerto?

Dopo i sorteggi Champions Juve poco mossa in borsa

Scudetto a rischio e coppe incerte: la Juve sale, frena la Lazio in borsa

NEWSLETTER
Iscriviti
X