Europa in buona ripresa, ma la tensione non è scomparsa

A
A
A
di Luca Spoldi 12 Febbraio 2016 | 15:32

I numeri della trimestrale di Commerzbank superano le aspettative e fanno scattare nuovi acquisti su tutto il comparto europeo, ma gli operatori avvertono: l'incertezza resta elevata come dimostrano i prezzi dei Cds


EUROPA IN RIPRESA GRAZIE A BANCHE – Mattinata contraddistinta da diffusi recuperi sui listini europei, dopo il deciso calo della vigilia. Londra a metà giornata segna +1,6%, Parigi oscilla a +1,45%, Francoforte recupera l’1,73%, Madrid sale dell’1,14% e Milano rimbalza del 2,99%. L’Eurostoxx50 a sua volta risale dell’1,41%, con Deutsche Bank, Unicredit ed e.On tra l’8,5% e il 5,5% di guadagno.

COMMERZBANK FA TORNARE IL BUON UMORE – A far tornare un minimo di fiducia sono oggi i risultati di Commerzbank, che sale del 15% dopo aver annunciato il ritorno all’utile nel quarto trimestre del 2015 grazie alla riduzione degli accantonamenti. Non manca comunque ancora qualche segno negativo, come nel caso di Iberdrola (-1,%) o, fuori dall’indice, Saipem (-5%) sul mercato italiano. In generale gli intermediari segnalano come la tensione resti elevata, come confermano i prezzi dei Cds (credit default swap), tuttora vicini ai livelli toccati ieri.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X