Serie A, in rosso: deficit a 365 milioni

A
A
A
di Redazione 4 Marzo 2016 | 11:30

La gestione è precipitata a causa dell’aumento dei costi per un centinaio di milioni.

Profondo rosso per i conti della Serie A. Il campionato italiano di calcio ha infatti perso 365 milioni nel 2014-15, in aumento rispetto ai 220 del 2013-14.

NEL DETTAGLIO – Il peggioramento fa ancora più impressione se si pensa che nel dato aggregato manca il Parma, fallito ed esentato dalla pubblicazione dei documenti contabili. Secondo quanto scrive La Gazzetta dello Sport, questo bilancio è la deriva di un movimento non solo ai margini del contesto internazionale, senza Palloni d’oro e coppe da esibire, ma anche incapace di imboccare la via dell’equilibrio economico-finanziario. Con un fatturato pressoché stabile in questi ultimi anni, leggermente aumentato (1,84 miliardi, 40 milioni in più del 2013-14) e strettamente legato ai diritti tv che pesano per il 60%, la gestione è precipitata a causa dell’aumento dei costi per un centinaio di milioni (a 2,4 miliardi, la metà per stipendi) e della riduzione delle plusvalenze per un altro centinaio di milioni.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

NEWSLETTER
Iscriviti
X