New York in frazionale rialzo, mentre il petrolio tira il fiato

A
A
A
di Luca Spoldi 9 Maggio 2016 | 14:33

La notizia dell'avvicendamento ai vertici del ministero saudita per l'energia non sembra per ora impressionare gli investitori. Bond e azioni in frazionale rialzo, frenano materie prime e metalli preziosi


PETROLIO SOTTOTONO A NEW YORK – Inizio di settimana a passo ridotto a Wall Street dove dopo meno di un’ora di scambi il Dow Jones oscilla a +0,06%, l’S&P500 segna +0,30%, il Nasdaq guadagna lo 0,48% e le small cap del Russell 2000 restano a +0,11%. I T-bond dal canto loro tirano il fiato e vedono il rendimento sul decennale ridiscendere sull’1,76% e quello sul trentennale oscillare attorno al 2,63%. L’oro ridiscende a 1.267,10 dollari l’oncia (26,9 dollari meno di venerdì), l’argento è indicato a 17,03 dollari (mezzo dollaro di perdita) e il petrolio rimane sui 44,06 dollari al barile (60 centesimi meno dell’ultimo fixing), apparentemente indifferente alla notizia della sostituzione del ministro del petrolio dell’Arabia Saudita, Ali al-Naimi, con Khalid Al-Falih, presidente di Saudi Aramco e futuro ministro dell’energia, dell’industria e delle risorse minerarie, cui spetterà mettere in pratica i piani di diversificazione che Riad ha elaborato per allentare la dipendenza della sua economia dalla produzione di greggio.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X