New York interrompe la corsa, recuperano oro, petrolio e bond

A
A
A
di Luca Spoldi 26 Maggio 2016 | 14:49

Il petrolio supera per la prima volta da 6 mesi i 50 dollari al barile, ma Wall Street non riesce a proseguire la corsa al rialzo. Ne approfittano T-bond e oro, recuperando una frazione del terreno perso


WALL STREET INTERROMPE LA CORSA – Neppure il petrolio a 50 dollari al barile per la prima volta da sei mesi in qua basta a far salire gli indici di Wall Street oggi, dopo il dato degli ordini di beni durevoli  che negli Usa in aprile sono saliti del 3,4% (ma l’indice “core”, che non tiene conto delle componenti più volatili, è salito solo dello 0,4%, in linea con le attese). Dopo un’ora di scambi il Dow Jones resta a -0,07%, l’S&P500 rimane a +0,02% e il Nasdaq oscilla a +0,12%, mentre anche le small cap del Russell 2000 non fanno meglio di -0,01%.

BOND IN RIPRESA, ASSIEME A ORO E PETROLIO – I T-bond dal canto loro vedono il rendimento sul decennale frenare leggermente all’1,85% e quello sul trentennale al 2,64%, mentre l’oro è indicato a 1.225,9 dollari l’oncia (2,10 dollari meglio di ieri), l’argento segna 16,45 dollari (18 centesimi di guadagno) e il petrolio dopo un massimo intraday a 50,19 dollari ridiscende a 49,78 dollari al barile, restando peraltro 22 centesimi sopra il fixing di ieri.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo
NEWSLETTER
Iscriviti
X