Finanziari europei in crisi, peggio di tutti fa Royal Bank of Scotland

A
A
A
di Luca Spoldi 6 Luglio 2016 | 15:30

I timori legati ad un deterioramento dei fondamentali macroeconomici inglesi ed europei nei prossimi 3-6 mesi tornano a pesare sui titoli bancari e assicurativi europei, che in molti casi tornano su livelli che non si vedevano dal 2011 o anche prima

FINANZIARI INDIETRO TUTTA IN EUROPA – Deutsche Bank, Credit Suisse Group, Banco Popular Espanol, Banco Popolare: l’elenco dei titoli bancari che sui listini europei toccano nuovi minimi mai visti almeno dal 2011 è corposo oggi, con Royal Bank of Scotland Group che oscilla su livelli che non si vedevano dalla crisi del 2009. Non vanno meglio le assicurazioni, con Aviva e Prudential in calo di oltre 4 punti e Aegon sui minimi dal 2011, mentre Generali a Milano tenta di “contenere” i danni cedendo poco meno del 3,4% oscillando sui livelli di quattro anni fa.

IL RIMBALZO E’ ALLE SPALLE, LA BREXIT FA PAURA – Il rimbalzo dei mercati della scorsa settimana sembra ormai morto e sepolto, con analisti che fanno a gara a prevedere un deterioramento più o meno marcato dei fondamentali macroeconomici britannici e del resto d’Europa nei prossimi 3-6 mesi in conseguenza della (attesa) apertura ufficiale della procedura per giungere alla Brexit entro i prossimi due anni. Uno scenario che, sposato a tassi che vengono previsti sempre più bassi e sempre per un periodo di tempo più lungo, non può piacere a banche e assicurazioni, che così tornano a soffrire.

Vuoi ricevere le notizie di Bluerating direttamente nel tuo Inbox? Iscriviti alla nostra newsletter!

Condividi questo articolo

ARTICOLI CORRELATI

5 titoli da comprare sui listini europei

Si torna a scendere, in scia ad assicurazioni, auto ed energia

Mercati sempre nervosi, anche Farange si dimette

NEWSLETTER
Iscriviti
X